Riscopriamo la mela

mela

Proseguiamo l’articolo su la mela dell’altra volta. L’obiettivo di questi articoli è riscoprire quei frutti che pian piano stanno scomparendo dalle nostre tavole, vi invito a contattarci se avete informazioni utili per chi vende o chi coltiva questi pregiati frutti.

La mela come rimedio naturale

Lo sapevate che la mela può essere usata anche come medicina naturale contro alcuni mali? Per esempio:

  • contro l’influenza basta mangiare per tre giorni solo mele crude per purificare il sangue e rafforzare le difese immunitarie

  • contro i reumatismi e la gotta basta bere dalle 4 alle 5 tazze al giorno di acqua con bollite bucce biologiche, mi raccomando!

  • Contro l’affaticamento un buon cucchiaio di miele sciolto in una tisana di melo oltre che buona aiuta a ripristinare le energie

Ora vediamo alcuni tipi di melo che sarebbe utile riscoprire

Appio

Originaria della Sardegna quest varietà è stata introdotta dal senatore romano Appio Claudio nel IV secolo a.C. dove prende anche il nome.

Il frutto è molto piccolo, appiattito.

La buccia è spessa e liscia un po’ untuosa di colore giallo con riflessi verdi.

La polpa è bianca e compatta dolcissima con un aroma leggermente vinoso.

Calvilla bianca d’inverno

Era una varietà molto rinomata in passato, coltivata in varie zone di dell’Europa. Sembra che provenga dalla Germania nell’anno 1598.

Il frutto è molto grosso arriva a pesare anche 300 grammi. La mela è un po’ appiattita con caratteristici solchi e costole molto evidenti.

La buccia è di colore giallo chiaro a volte tendente all’arancio.

La polpa di colore bianco crema è compatta e leggermente acidula.

Questa mela è ottima sia da cruda che cotta per ricavare confetture.

Bella di Boskoop

È una varietà olandese anche se ancora la sua storia è molto controversa. La si trovava spesso nelle regioni del Trentino Alto Adige e in Piemonte.

Il frutto è medio grosso bello tondo, può arrivare a un peso di 240 grammi.

La buccia ha un colore giallo dorato macchiato di rosso con presenza di qualche striatura di ruggine.

La polpa è giallognola e semi consistente, molto dolce, profumatissima, davvero molto buona!

Piccola nota si raccoglie a metà ottobre e si conserva fino a Natale, pensate che bel regalo un cesto di mele prodotto da voi?

Ti è piaciuto l'articolo? Lasciaci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.