Pubblicato il Lascia un commento

Sai come conservare il formaggio?

conservare il formaggio

conservare il formaggio

La domanda che riceviamo spesso in tema di formaggi è: come conservare a lungo il formaggio?

Ci sono diversi modi per conservare il formaggio e varie attenzioni da osservare. Il luogo ideale per eccellenza è la cantina, ad eccezione dei formaggi freschi però. La cantina ha la temperatura ideale che va dai 10° ai 15°, permette la giusta areazione e vi è umidità. Ciò favorisce la protezione della qualità e evita il fastidioso essiccamento.

Conservare il formaggio in cantina è l’ideale, ma se non si ha come si può fare?

L’alternativa è usare il buon vecchio frigorifero, a patto di avere le giuste accortezze. Si tratta di regole importanti per preservare il formaggio e le sue qualità. Per prima cosa, tieni sempre separate le diverse tipologie di formaggio. Metterli a contatto non è consigliabile. Assicurati che i formaggi possano respirare. Questo implica evitare l’utilizzo di pellicole trasparenti che non permettano una corretta respirazione. Per i formaggi stagionati, l’ideale è l’uso di carta oleata per alimenti. Il taglio però va ricoperto con la classica carta stagnola. Per quelli freschi è consigliabile usare la carta forno in un contenitore per formaggio. Un caso particolare è la mozzarella. Va conservata nella sua acqua per preservarne gli aromi accattivanti. Se poi parliamo di mozzarella di bufala appena fatta la cosa cambia. Gli intenditori vi diranno che va consumata in giornata per catturarne la poesia.

Come si può conservare il formaggio in frigo?

Prestare attenzione alla temperatura del frigorifero è importante. Il formaggio stagionato normalmente va conservato nella parte meno fredda del frigorifero. Si tratta della zona in cui la temperatura si aggira tra gli 8° o poco più. I formaggi freschi invece prediligono la parte più fredda del frigorifero. Area in cui la temperatura è tra i 2° ai 4°. Il resto delle tipologie dei prodotti invece può avere una cura diversa . Possono essere conservati nel ripiano in cui la temperatura è di 6° o poco più.

Scegli di conservare il formaggio in freezer?

Conservare il formaggio in congelatore è una cattiva idea. Lo scongelamento porterebbe un’evitabile alterazione, che comprometterebbe le sue qualità gustative.

Quale parte del frigorifero è ideale per conservare il formaggio?

Il cassetto della verdura è il posto ideale. Essendo il luogo più umido del frigorifero accoglie bene il prodotto. Stai attento però a non sottoporre il formaggio a troppa umidità e tienilo isolato dal resto. Un’altra soluzione efficace nasce dalla saggezza dei nostri nonni. Un panno leggermente umido intorno al prodotto aiuta la conservazione. Accortezza che favorisce l’umidità e la respirazione del formaggio. Un’ulteriore soluzione per conservare il formaggio è metterlo sottovuoto. La mancanza di ossigeno infatti rende il formaggio poco attaccabile dagli agenti esterni. Soluzione efficace però per i formaggi a pasta dura ma da evitare per le altre tipologie di prodotto.

Quando consumare il formaggio?

Ti consigliamo di gustarlo a temperatura ambiente. Solo così potrai assaporarlo in tutto il suo sapore. Di conseguenza assicurati di toglierlo dal frigo in tempo utile.

Scopri di più sul formaggio

Per qualsiasi informazione o domanda non esitare a contattarci. Saremo felici di rispondere a qualsiasi domanda e dissipare ogni tuo dubbio. Se lo vorrai potremo consigliarti le aziende che a nostro avviso si distinguono. Se sei un’azienda e desideri dare voce al tuo prodotto e dimostrare a tua qualità chiamaci. Ti raggiungeremo per scrivere un post su di te.

Pubblicato il 4 commenti

Latte: continua con noi il viaggio verso il formaggio

latte

latte

Proseguiamo il nostro viaggio nel mondo del formaggio approfondendo la conoscenza del latte. Tutti lo conosciamo ma pochi sanno le sue caratteristiche specifiche. Il latte si presenta come un liquido di colore bianco e torpido che non presenta omogeneità. Esso è costituito da diversi elementi che si rapportano con l’acqua in maniera differente. Il suo colore è dovuto al diverso indice di rifrazione dei grassi rispetto all’acqua. Sono dispersi in emulsione per mezzo della caseina.

Il latte da cosa è composto?

È definito un alimento completo perché contiene:

  • grassi, con poco ferro;
  • lattosio (zuccheri);
  • proteine caseina;
  • sali minerali;
  • vitamine;
  • potassio;
  • fosforo;
  • calcio;

La comunità scientifica condivide l’opinione che il latte stimoli i fattori della crescita. Un prodotto indispensabile per i bambini. Il tipo di specie animale che lo produce comporta le varietà della sua composizione.

Il latte che gusto e che qualità ha?

Il suo gusto non si può dire costante perché dipende dall’alimentazione dell’animale. Ma non è solo il gusto ad essere protagonista. L’alimentazione comporta la sostanziale differenza qualitativa. Per esempio il latte d’alpeggio è di grande rilevanza sia dal punto di vista del gusto che della qualità. È un vero e proprio alimento completo. Le proteine all’80% e lattalbumina all 20% sono un terzo del fabbisogno medio di un individuo. I carboidrati sotto forma di lattosio sono importanti per sviluppare il tessuto nervoso. Naturalmente anche l’apporto di calcio risulta notevole.Un alimento che per tanti aspetti è importante per la nostra vita e per la qualità del formaggio. Conoscere  le sue proprietà comporta il realizzare formaggi di qualità

Scopri di più

Per qualsiasi informazione o domanda non esitare a contattarci. Saremo felici di rispondere a qualsiasi domanda e dissipare ogni tuo dubbio. Se lo vorrai potremo consigliarti le aziende che a nostro avviso si distinguono. Se sei un’azienda e desideri dare voce al tuo prodotto e dimostrare a tua qualità chiamaci. Ti raggiungeremo per scrivere un post su di te.

Pubblicato il Lascia un commento

Asiago Stravecchio: un tesoro del Veneto.

formaggio asiago stravecchio

formaggio

L’asiago stravecchio non è semplicemente un formaggio gustoso, ma è un tesoro storico italiano.

Un prodotto tipico dell’Altopiano di Asiago, realizzato nel rispetto della tradizione.

I produttori locali lavorano in onore della sostenibilità ambientale garantendo un prodotto eccezionale.

Un formaggio invidiato anche all’estero e di grande vanto per il nostro Paese. Dal sapore accattivante e ricco di varietà di aromi e sapori, sa rapire chiunque con i suoi profumi. Fragranze piacevoli che partono dall’erba appena tagliata, alla frutta matura e al muschio.

Dove nasce l’Asiago Stravecchio?

L’Asiago Stravecchio nasce dalle malghe dell’Altopiano Asiago. Un prodotto che porta sempre ad una nuova riscoperta di sapori. Questo perché ogni forma non è mai uguale all’altra e ogni volta vi è un trionfo gustativo diverso. Sono 60 le malghe attive nei Sette Comuni di Asiago, ma il prodotto scarseggia. Le forme prodotte sono circa un migliaio l’anno, perché sono solo 10 le malghe che lo producono. Il tutto si spiega per i tempi che richiede il formaggio per la stagionatura. Non tutti i malgari sono disposti ad attendere 18 mesi e optano a vendere prima le forme.
Perdere l’Asiago Stravecchio dei Sette Comuni sarebbe un danno disastroso. Danno non solo a livello enogastronomico ma anche di tipo storico per il nostro Paese. Goditalia vuole dare il suo contributo tenendo viva la voce del formaggio italiano

Asiago Stravecchio: un bene da proteggere

Siamo da sempre sensibili ai prodotti tipici italiani. Come narratori del gusto, vogliamo parlarti di quelle realtà meravigliose che si distinguono. Piccole aziende che danno un grosso contributo all’eccellenza italiana. Per qualsiasi informazione o domanda non esitare a contattarci. Saremo felici di rispondere a qualsiasi domanda e dissipare ogni tuo dubbio. Se lo vorrai potremo consigliarti le aziende che a nostro avviso si distinguono. Se sei un’azienda e desideri dare voce al tuo prodotto e dimostrare a tua qualità chiamaci. Ti raggiungeremo per scrivere un post su di te.