Pubblicato il 1 commento

Bere il tè con regolarità fa bene

bere il tè con regolarità fa bene

bere il tè con regolarità fa bene

Buongiorno Godi-lettore. Oggi continuiamo a parlare del mondo te e di salute. Quindi riprendiamo dal precedente post “Bere il tè abitualmente allunga la vita“. Se dopo aver letto questo articolo vuoi porci delle domande, contattaci. Saremo felici di rispondere alle tue curiosità.

Ma ora iniziamo il viaggio verso il mondo del tè!

Bere il tè con regolarità fa bene grazie ai polifenoli

I polifenoli

I polifenoli agiscono come antiossidanti nel nostro organismo. Sono distinti in tannini idrolizzabili, fenilpropanoidi, tannini condensati e flavonoidi. Bere il tè con regolarità fa bene per vari motivi e sicuramente una delle cause sono i polifenoli.

Bere il tè con regolarità fa bene…ma quale tipo?

Proprietà dei vari tè

Secondo gli studi condotti, i polifenoli sono i principali componenti bioattivi del tè. Ma d’altra parte l’organismo non riesce a conservarli a lungo. Ecco il motivo per cui bere il tè con regolarità fa bene.  Ovviamente non tutti i tipi di tè sono uguali. Bere il tè con regolarità fa bene però bisogna considerare il tipo. Pertanto risulta importante conoscere i vari tipi di tè e le loro caratteristiche.

Il tè verde

il tè verde riduce del 25% il rischio di problemi cardiovascolari. Allo stesso modo è utile anche per ridurre i rischi di mortalità per molteplici cause.

Il tè nero

Il tè nero non ha avuto dati eclatanti. Per chiarire, il tè nero è fermentato e i polifenoli ne risentono. In secondo luogo bisogna considerare le modalità di servire il tè nero. In breve questo tipo di tè viene servito con il latte e ciò contrasta con le proprietà benefiche del tè. Spero che il post ti sia piaciuto.  A breve usciranno nuovi post che tratteranno il mondo del tè e le sue curiosità e tante novità. Nel frattempo se hai delle domande contattaci.





Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest

Pubblicato il 1 commento

Bere il tè abitualmente allunga la vita. Il mondo del tè

Bere il tè abitualmente allunga la vita il mondo del tè

Buongiorno Godi-lettore. Bere il tè abitualmente allunga la vita. Una conclusione che illumina il mondo del tè. Continuiamo l’affascinante percorso per conoscere il tè e le sue qualità. Se dopo aver letto questo articolo vuoi porci delle domande, contattaci. Saremo felici di rispondere alle tue curiosità.

Ma ora iniziamo il viaggio verso il mondo del tè!

Bere il tè abitualmente allunga la vita il mondo del tè

La conferma che bere il tè abitualmente allunga la vita. Il mondo del tè e le novità.

Il tè verde

Lo sapevi che bere il tè regolarmente allunga la vita?

Secondo uno studio recente il tè assunto tre volte a settimana aiuta a preservare la salute. Lo afferma una pubblicazione sull’European Journal of Preventive Cardiology.  il tè aiuta a diminuire le malattie cardiovascolari e la mortalità. In particolar modo è il tè verde a possedere i maggiori benefici per la salute e per i bevitori abituali. Lo sostiene  Xinyan Wang dell’Accademia cinese di scienze mediche di Beijing.  Il primo degli autorevoli autori della ricerca. Il mondo del tè non cessa di stupire

La ricerca cinese che dimostra che bere il tè abitualmente allunga la vita.

il tè fa bene

I dati sono stati raccolti sulla base dell’osservazione di quasi undicimila soggetti. Il primo requisito è l’assenza di episodi di cancro, ictus o malattie cardiovascolari. In seguito furono suddivisi in due gruppi:

  • chi non beve mai il tè o meno di tre volte a settimana;
  • chi beve abitualmente il tè o più di tre volte a settimana.

I partecipanti furono seguiti per un tempo superiore ai sette anni e i dati furono buoni. Infatti è stato rilevato che i soggetti cinquantenni che bevono il tè hanno una vita più lunga.  Quindi risultati che vedono il mondo del tè al centro dell’attenzione. Ad esempio si abbassa il rischio del 20% di sviluppare malattie cardiache o ictus. Invece il rischio di un attacco di cuore fatale si riduce del 22%. Dati importanti che confermano che bere il tè abitualmente allunga la vita.

Altri dati che confermano che bere il tè abitualmente allunga la vita.

Il mondo del tè

Per avere ulteriori conferme è stato analizzato un ulteriore gruppo di circa quattordicimila persone. Le valutazioni sono state condotte dopo cinque anni dalla prima ricerca. Entrambe le ricerche hanno dimostrato una sensibile riduzione di mortalità per molteplici cause. Anche in questo i dati sono stati importanti:

  • attacchi di cuore ridotti del 56%;
  • mortalità per varie cause 29%;
  • malattie cardiache e ictus 39%.

Ulteriori dati che confermano le proprietà del tè. Spero che l’articolo ti sia piaciuto. A breve usciranno nuovi post che tratteranno il mondo del tè e le sue curiosità. Nel frattempo se hai delle domande contattaci.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest

Pubblicato il 4 commenti

L’origine del tè narrata dalla leggenda cinese fino alla dinastia Tang

L’origine del tè narrata dalla leggenda cinese fino alla dinastia Tang

Buongiorno Godi-lettore. Oggi parliamo de ”l’origine del tè narrata dalla leggenda cinese fino alla dinastia Tang ”. Continuiamo l’affascinante percorso per conoscere il tè andando in Cina. Infatti l’origine del tè narrata dai miti e leggende cinesi risulta molto avvincente. Se dopo aver letto questo articolo vuoi porci delle domande, Contattaci. Saremo felici di rispondere alle tue curiosità.

Ma ora iniziamo il viaggio!

L’origine del tè narrata dalla leggenda cinese fino alla dinastia Tang

L’origine del tè narrata dalla leggenda cinese dell’imperatore Shen-Nung

Leggende sul tè

Una delle leggende più note attribuisce la scoperta del tè all’imperatore Shen-Nung. Correva l’anno 2750 a.C. e l’imperatore stava riposando sotto un albero. Ad un certo momento un servitore gli pose una ciotola di acqua calda per sopire la sete. Secondo la leggenda il vento fece cadere nella ciotola delle foglie dal vicino albero di tè. Affascinato dall’accaduto, bevve quella particolare bevanda riscontrando particolari benefici. Si sentii rilassato, più sereno rispetto ai pensieri quotidiani e più forte nel corpo. Scoperte le virtù di questa bevanda, incoraggiò il popolo al suo uso. Un vero invito alla coltivazione e alla consumazione quotidiana del tè. Ma il viaggio dell’origine del tè narrata dalla leggenda cinese fino alla dinastia Tang ha ancora molte sorprese.

L’origine del tè narrata dalla leggenda cinese vissuta dai monaci buddisti

Tè cinese

Anche i monaci buddisti sono protagonisti delle origini del tè. Si racconta che i monaci lo adottassero per i suoi benefici corporei e spirituali. A loro avviso riduceva la stanchezza durante la meditazione e rilassava il corpo. Per i monaci il tè era l’ideale per migliorare anche la concentrazione.

Viene voglia di assaporare una tazza di tè vero?

Passiamo ad un altro argomento in merito all’origine del tè narrata dalla leggenda cinese fino alla dinastia Tang.

L’origine del tè narrata dalla leggenda cinese e le proprietà medicinali

Benefici del tè cinese

Ci sono molti racconti che narrano e celebrano le grandi proprietà curative del tè. Secondo queste narrazioni il tè era l’ideale per migliorare l’alito, purificare il corpo e aiutare la digestione. Veniva citato come toccasana per i dolori allo stomaco. In seguito nel 100 a.C. il tè venne definito da molti scritti “elisir dell’immortalità”. Ulteriori scritti confermarono i vantaggi citati dai monaci buddisti. Infatti vennero celebrate le proprietà del tè per aumentare la concentrazione e aumentare il vigore.

Interessante vero?

Ora mettiamo l’ultimo tassello al viaggio de “l’origine del tè narrata dalla leggenda cinese fino alla dinastia Tang”.

La dinastia Tang e l’origine del tè citata dalla leggenda cinese

Significato del tè

La dinastia Tang la troviamo  nel secolo VIII d.C. Durante questo periodo visse Lu Yu, che scrisse il libro “il canone del tè” (Cha Ching). Lu Yu era originario di Jinling (attuale Tainmen). Adottato da un monaco buddista ben presto risultò refrattario alla vita monacale. Un giorno fuggì dal tempio per poi essere accolto dal governatore Li Qiwu. Il governatore gli diede la possibilità di studiare e libero accesso alla biblioteca. Quindi Lu Yu ebbe l’occasione di crescere approfondendo la propria cultura e conoscenze. Un ulteriore vantaggio fu che interagì con veri esponenti della cultura cinese. Nel suo libro, il tè simboleggia l’armonia e l’unione con l’universo. Tuttavia trattò la natura della pianta, la coltivazione e la preparazione della bevanda. Spero che l’articolo ti sia piaciuto. A breve usciranno nuovi post che tratteranno il tè e le sue curiosità. Nel frattempo se hai delle curiosità contattaci.

Il canone del tè: un must per i cultori del tè assolutamente da non perdere

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest

Pubblicato il 3 commenti

La millenaria storia del tè tra popoli e quotidianità

la millenaria storia del tè tra popoli e quotidianità

Buongiorno Godi-lettore. Oggi parliamo de ” la millenaria storia del tè tra popoli e quotidianità” e del suo andamento. Iniziamo un percorso per conoscere il tè. Se dopo aver letto questo articolo vuoi porci delle domande,  contattaci. Saremo felici di rispondere alle tue curiosità sulla pianta del tè.

Ma ora iniziamo il viaggio!

la millenaria storia del tè tra popoli e quotidianità

La millenaria storia del tè tra popoli e quotidianità inizia con la scoperta della pianta del tè

La pianta del tè

La pianta del tè ha accompagnato l’essere umano da migliaia di anni. Considera che negli ultimi cinquemila anni si è sviluppata una vasta cultura attorno al tè. Le diverse popolazioni e civiltà lo hanno apprezzato e accolto nella loro vita. Quindi una quotidianità che ha visto nel tè una fonte di ispirazione, benessere e piacere. Non  è un un caso che la millenaria storia del tè tra popoli e quotidianità sia così importante. Infatti il viaggio per conoscere il tè ci porta a scoprire miti e leggende intorno a questa bevanda.

Dove nasce la pianta del tè?

La storia del tè

Le origini della pianta del tè sono in Oriente, dove viene apprezzato da migliaia di anni. I primi testi che parlano del consumo del tè sono in Cina e risalgono al III secolo. Gli stessi monaci buddisti ne promossero l’uso come bevanda rituale e per i suoi benefici. I primi apprezzamenti furono per il benessere che dava al corpo e alla mente. Vantaggi corporei ottenuti dalla caffeina e dai tannini. In seguito fu celebrato per le sue qualità medicinali e per ciò che donava al fisico. Successivamente il tè fu portato ad essere un elemento legato ai ceti sociali più abbienti. In seguito il tè ottenne un riconoscimento legato al gusto e alla raffinatezza. Pertanto un apprezzamento legato al piacere che donava. Tuttavia la millenaria storia del tè tra popoli e quotidianità ebbe grandi evoluzioni. Risulta sempre più interessante conoscere il tè vero?

La cultura del tè

Conoscere il tè

Il tè è una delle cose che viene rappresentato a pieno dal termine “cultura”. La coltivazione della pianta del tè interessa la conoscenza delle terra fino ad approdare nello spirito. Questa bevanda custodisce tra le sue foglie una storia antica, miti e leggende. Pensa che sono tante le persone e nazioni che in migliaia di anni lo hanno coltivano, bevuto e amato. Ecco perché la millenaria storia del tè tra popoli e quotidianità racconta storie di vita. Si tratta di un dolce panorama impresso nella storia di chi ha “vissuto” il tè. Il tè di qualità è un dono della terra che racconta la storia del luogo, e la cultura del territorio. Aspetti strettamente legati all’amore di chi lo ha coltivato con Passione. Bere il tè significa entrare in comunione con la cultura e la vita della sua terra di origine.

Goditalia e la millenaria storia del tè tra popoli e quotidianità.

Conoscere la storia del tè porta a vivere il mondo. Un viaggio per scoprire la storia della piante del tè. A breve usciranno nuovi post che tratteranno il tè e le sue curiosità. Nel frattempo se hai delle curiosità contattaci  e risponderemo alle tue curiosità.





Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest