Pubblicato il Lascia un commento

I descrittori dell’olfatto per la valutazione del prosciutto crudo

olfatto descrittori

olfatto descrittori

Godi giorno! Oggi vediamo di comprendere al meglio cosa dovete ricercare quando annusate la fetta di prosciutto crudo. Cercherò di essere come sempre più obiettivo possibile, poi se avete domande potete sempre scriverci su Goditalia, e come sempre cercheremo di rispondervi il prima possibile. Già che ci sono, prima di incominciare, invito le aziende che vogliono far conoscere il loro prodotto a prenotare una intervista, cercheremo nel minor tempo possibile di fissarvi un appuntamento.

Bene si inizia!

I descrittori dell’olfatto

Partiamo subito in quarta e cerchiamo di comprendere al meglio quali sono i descrittori da tenere in considerazione quando si degusta una fetta di prosciutto crudo:

  • Stagionato, è un odore complesso richiama le sensazione di dolce e frutta secca; a volte ricorda l’odore di chiuso e umido della cantina, potete sentire una idea di nocciole tostate e salsedine

  • Carne fresca, è il classico odore che ha la carne di maiale cruda

  • Rancido lo sentite sulle parti grasse fortemente ossidate spesso sono associati a sensazioni pungenti, non gradevoli

  • Verro, è un odore simile all’urina, di stalla, pelo di animale bagnato. Lo si sente nelle carni fresche e lavorate di suino maschio, maturo castrato male che porta l’androsterone a depositarsi nel grasso.

  • Burro, è il classico odore di burro, di caseificio

E con questo ci fermiamo perché è meglio concentrarsi sulla pratica ora. Cercate di sentire i profumi e gli odori negativi che non vi piacciono della vostra fetta di prosciutto, cercate di capire ogni singola sensazione. Se avete domande al riguardo non esitate a farci un fischio.

Godi degustazione!

Pubblicato il Lascia un commento

L’analisi sensoriale del prosciutto crudo: i descrittori dell’aspetto

degustare il prosciutto crudo

degustare il prosciutto crudo

Godi giorno!

Dalle email ricevute abbiamo notato che molti di voi vogliono più informazioni per l’analisi sensoriale del prosciutto crudo, quindi ci siamo decisi di fare un articolo dove spiegheremo meglio i perché e i per come avvengono certi processi che caratterizzano il prosciutto crudo. Prossimamente su Google plus dedicheremo articoli e novità sia sull’analisi sensoriale in generale, sia argomenti in tema al digital marketing ma sopratutto verrà dato tanto spazio ai salumi e alla loro degustazione. Comunque non temete sarete aggiornati a tempo breve.

Incominciamo!

Il prosciutto crudo

Come abbiamo già letto, il prosciutto crudo viene sottoposto a una stagionatura in ambienti controllati climaticamente con aggiunta di sale e spezie varie. Durante la stagionatura il prosciutto perde umidità grazie alla penetrazione del sale al suo interno che lo stabilizza.

La lipolisi e la protolisi degradano il grasso e i muscoli della carne che a loro volta originano amminoacidi e acidi grassi; che a loro volta si ossidano provocando una ampia gamma di composti volatili.

Tutto quello che succede all’interno di questi processi chimici e biochimici, tutte le modificazioni fisiche che durante questo lungo processo si evolvono, generano il profilo sensoriale del prodotto.

Come si può notare le variabili in gioco sono tante e creano gli attributi che il consumatore ricerca. C’è da tenere presente che nel prosciutto crudo le differenti masse muscolari che definiscono il prodotto creano i gradienti qualitativi della materia prima: il muscolo, lo stato connettivo, il grasso.

Da tenere presente anche la carne dell’animale: come è stato allevato? ne momento della macellazione aveva qualche forma di stress? come è stata manipolato, quali processi di trasformazione sono avvenuti, ecc.

I descrittori dell’aspetto

L’analisi sensoriale viene utilizzata ancor prima che il nostro bel prosciutto arrivi sulle nostre tavole.

In stagionatura il prosciutto crudo viene sottoposto alla battitura per capire se “suona” bene; ci può essere il distacco della parte magra con il grasso ad esempio. Poi grazie alla puntatura, si inserisce una sonda nella carne, per capire se ci sono anomalie olfattive. Una volta arrivato in prosciuttificio la coscia viene giudicata nell’aspetto, anche l’occhio vuole la sua parte!

Vediamo insieme questi benedetti descrittori:

  • colore rosso, si guarda l’intensità del colore rosso della parte magra

  • colore uniforme, controllate se ci sono degli evidenti cambiamenti di colore tipo macchie più scure o verdastre, microemorragie possono essere causate dalla tecnologia, microbiologia o di natura fisica.

  • untuosità, la fetta che andiamo ad esaminare presenta una patina untuosa? È lucente? Ha un aspetto bagnato?

  • superficie asciutta, il prosciutto è secco? I bordi della fetta tendono ad arricciarsi?

  • presenza di granuli bianchi, sono gli agglomerati salini, la tirosina. Se sono numerosi costituiscono un difetto della fetta

  • marezzato, la presenza di grasso all’interno della parte magra

  • colore bianco rosato uniforme, si guarda il colore del grasso di copertura: sono difetti il colore giallo indice di ossidazione, la presenza di ematomi che danno una colorazione grigia.

Vedete quante cose si guardano in una fetta di prosciutto?

La prossima volta vedremo la fetta di prosciutto crudo sotto l’aspetto dell’olfatto.

Godi degustazione!